Menu

presented by

IS-ST

SEDICESIMA EDIZIONE

22.23.24 MAGGIO 2022

BENVENUTI AD ITALIAN SUSCON 2022

Quest’anno sarà la XVI° edizione dell'Italian Suscon.
Durante l'evento, come è nostra abitudine, si terranno presentazioni, si faranno sospensioni e ci sarà anche l’opportunità di svolgere altre attività.

Prenotazione alloggi e pasti

Per le prenotazioni, vitto e alloggio, occorre contattare direttamente la location secondo le indicazioni che vi verranno inviate via email e che potete trovare qui di seguito.
Ricordatevi di indicare chiaramente le vostre preferenze alimentari (onnivori o vegani).

Programma dell'evento

Il programma dettagliato del Suscon sarà inviato ai partecipanti via email.

Una delle novità di quest'anno è che il primo giorno del Suscon, cioè Domenica 22 Maggio, sarà aperto a tutti e l'ingresso solo per questo giorno sarà ad offerta libera.

Domenica 22

  • 10:30-12:30 Apertura registrazioni
  • 12:30-14:00 Pranzo (per i non iscritti al Suscon si raccomanda di contattare la location per la prenotazione del pranzo ed eventualmente la cena)
  • 14:00-16:00 Fakir Musafar: le radici dei rituali moderni 1° parte (presentazione a cura di Luca Antonaglia e Pieropaolo Tesoro)
  • 16:00-16:30 Coffee break
  • 16:30-18:30 Fakir Musafar: le radici dei rituali moderni 2° parte (presentazione a cura di Luca Antonaglia e Pieropaolo Tesoro)
  • 18:30-20:30 Dimostrazioni di sospensioni corporali
  • 20:30-22:00 Cena (per i non iscritti al Suscon si raccomanda di contattare la location per la prenotazione del pranzo ed eventualmente la cena)
  • 22:00-23:30 Presentazione del libro Mutate or Die (presentazione a cura di Rote Zora)
  • Ci riserviamo di apportare eventuali cambiamenti al programma in relazione alle necessità oggettive della giornata.

COME ARRIVARE

CASCINA CAREMMA

Via Cascina Caremma, 2 – 20080 Besate (MI)
T +39 02 9050020
F +39 0290504251
www.caremma.com
info@caremma.com

SARANNO CONSIDERATE COME REGISTRATE AL SUSCON, SOLAMENTE LE PERSONE CHE AVRANNO COMPILATO IL MODULO DI REGISTRAZIONE ED EFFETTUATO IL PAGAMENTO ONLINE DELLA QUOTA DI PARTECIPAZIONE.

WORKOUT

CON FLAVIA STRAMAZZO

- Functional Training Coach
- Kettlebell Instructor

HIIT Workout

Allenamento ad alto impatto metabolico con un protocollo "High Intensity" intervallato, utilizzando lo "strumento" più funzionale che abbiamo a disposizione... il nostro corpo. Sudata assicurata.

YOGA

con Noema Pasquali AkA Tiger Orchid

Artista italiana trasferitasi in Germania dove si occupa di Alternative and Holistic Health Service ed insegna Yoga. Con più di 20 anni di pratica e di studio del Kundalini, Noema guida anche le classi di Yoga Nidra e di Vinyasa Flow. Le classi proposte non richiedono una previa conoscenza dello Yoga. Chiunque e’ il benvenuto e puo’ partecipare! La pratica sara’ quella del Kundalini mixed Vinyasa Yoga, particolare attenzione verra’ data all’esercizio del Pranayama – dal Sanscrito Controllo dell’ Energia Vitale, si riferisce alla pratica yogica della regolazione del respiro – ed alla Meditazione: oltre alla pratica delle asana che lavorano prevalentemente sul corpo fisico, e’ fondamentale infatti lavorare anche sulla fisiologia energetica. Attraverso lo yoga si ottiene l'espansione della mente, che non è un concetto psicologico ma energia che lavora in onde e comprendendo ed espandendo queste onde è possibile espandere la consapevolezza, la coscienza e infine sperimentare la liberazione.

FAKIR MUSAFAR

Roots of the modern ritual

Questa lezione, presentata inizialmente al seminario di Ritorno alle Origini del 2020, è frutto di un lavoro corale di tre amici e piercer: Andrea Mollica, Pierpaolo Tesoro e Luca Antonaglia. Partendo dalle proprie passioni e attitudini, i tre relatori, hanno costruito una lezione che rappresenta un percorso tra ricerca antropologica, musica, libera espressione artistica e filosofica. Sarà presentata al Suscon 2022 in una nuova forma, mantenendo comunque inalterato lo spirito di base: quando ci si immerge in una ricerca si affronta un viaggio nell’ignoto fatto di scoperta e magia; andando oltre la tematica in questione si è costretti a fare i conti con la propria interiorità fino a rivedere molte delle proprie certezze e convinzioni. Per comprendere un personaggio complesso come Fakir Musafar è stato necessario abbandonare ogni pregiudizio ma anche la tentazione naturale di cadere nella trappola della mitizzazione. Cosa ci possono insegnare la vita e le opere di uno dei più importanti precursori del piercing contemporaneo? Qual’ è l'eredità culturale e spirituale che ci ha lasciato Fakir? Quali sono le criticità e le contraddizioni che possono trasparire dall’analisi storica e antropologica del suo pensiero? Queste sono solo alcune delle domande che i tre relatori si sono posti nel processo poietico che li ha attraversati durante l’elaborazione di questa lezione. Non poteva essere semplicemente un resoconto storico della vita e delle opere di questo uomo. Non poteva e non doveva essere semplicemente un atto reverenziale al mito. Per questo, la metafora del viaggio è quella che meglio rappresenta lo schema di questa lezione. Un viaggio nella vita di Fakir Musafar: un percorso magico tra la ritualità, le performance e la sua filosofia. Un’analisi antropologica della visione di un uomo che ha lasciato un segno indelebile nella storia del piercing e del ritualismo contemporaneo.

Luca
Antonaglia

Laureato in sociologia con specializzazione in antropologia e, in seguito, in mediazione interculturale. Appassionato di studi sociologici, filosofici e della storia delle religioni. Inizia ad eseguire i suoi primi fori nel 2000 diventando professionista nel 2007. Ad oggi esegue full body piercing e alcune body mod. Ha tenuto una rubrica personale, pubblicata mensilmente (Body Evolution) sulla rivista "Move", che tratta il rapporto tra le modificazioni corporee e la società. Socio fondatore Aipp. Ha frequentato diversi seminari sul piercing e le body modification tra cui: Body Modification Workshop organizzato da Micromutazioni, Youmodify e Bmx_net Conference a Essen in Germania. Luca è stato un relatore alle quattro edizioni di “Ritorno alle Origini” nella quale ha tenuto lezioni sull' antropologia del piercing. Inoltre, ha tenuto, in differenti contesti, diverse lezioni riguardanti l'analisi antropologica sull' evoluzione storica culturale del tatuaggio, del piercing e delle modificazioni corporee.

Pierpaolo
Tesoro

Piercer professionista dal 2007, attore, doppiatore. Relatore di body piercing e antropologia della body art in scuole regionali e seminari italiani.

MUTATE OR DIE

in viaggio con la Mutoid Waste Company

Il libro racconta, sulla base di interviste, la storia del gruppo Mutoid Waste Co. nato a Londra nella metà degli anni Ottanta come fucina di artisti, meccanici creativi, musicisti e circensi, che crea sculture, installazioni e scenografie esclusivamente con materiali di scarto. Le loro opere consistono anche in veicoli modificati per trasformarli in sculture o case su più ruote. Ogni azione e creazione mutoide strizza l'occhio all'immaginario distopico e cyberpunk della letteratura di fantascienza e di fumetti come 2000 A.D. Dalle origini londinesi il racconto prosegue seguendo i Mutoid lungo le loro tappe europee, sino ad approndare in Italia, quando nel 1990 sono invitati a partecipare all'edizione del Festival dei Teatri di Santarcangelo. Lungo le rive del fiume Marecchia i Mutoid trasformano una cava di ghiai in disuso in una base operativa chiamata Mutonia. Mutonia, riconosciuta nel 2013 come Parco Artistico e bene cittadino, a seguito di una minaccia di sgombero, è la concretizzazione di quella che il gruppo chiama Mutopia, ovvero un modo di vivere e di creare arte a impatto zero fondato sull'azione nel qui e ora del presente per mutare un futuro che sembra destinato a generare nuove disuguaglianze e ingiustizie.

Rote
Zora

aka Elisa Fosforino è scrittrice e docente

Laureata in Storia e Critica dell'arte con la tesi Divenire mostro, macchina e mutoid. Il postumano nell'arte. Specializzata nel metodo ABA (Applied Behavioral Analysis) e nella formazione e sviluppo professionale docenti. Appassionata di anarcofemminismo, controcultura in ogni sua manifestazione, body marking e body suspension.

L’ARABA FENICE: CORPO E TRASCENDENZA.

La continua ascesa alla ricerca dell’equilibrio tra ragione e follia. Il rituale e la costruzione dell’identità.

Intendiamo le pratiche di trazione e sospensione come veri e propri riti contemporanei non codificati che, agendo direttamente sul/nel corpo, contribuiscono ad una ridefinizione dell’identità. Il nostro punto di partenza è che varcare il confine epidermico rappresenti anche l’attraversamento di una soglia, la creazione di un passaggio, l’ascesa ad un luogo “altro”, difficile da raggiungere e per questo denso di significato.
Come nel mito dell’araba fenice, il soggetto va incontro ad un processo trasformativo, di morte simbolica e rinascita, che gli consente di interrogarsi sui suoi limiti e di conseguenza ridefinire i confini del sé, riconquistando un nuovo equilibrio e un nuovo senso.
Similmente a molti riti tradizionali, anche queste pratiche avvengono in un contesto collettivo; in questo modo si crea un collegamento non solo fra corpo e mente, ma anche fra soggettività e collettività. Un’unica pelle, potremmo dire, fisica e psichica, individuale e di gruppo.
In questa tavola rotonda cercheremo di esplorare insieme pensieri, sensazioni, emozioni ed esperienze legate a queste pratiche, cercando l’integrazione fra una pluralità di punti di vista per indagarne i molti sensi possibili.

  • il concetto di neoritualità e rischio di colonialismo culturale
  • critiche, controindicazioni, limiti, dubbi, psicopatologia
  • identità corporea, come si costruisce il senso del sé a partire dall’esperienza fisica
  • ruolo trasformativo del dolore
  • l’identità di gruppo,creazione di una comunità informale di appartenenza/affinità
  • comunità vs setta
  • sopravvivenza di riti antichi nella società moderna
  • Educazione alla manipolazione del corpo

Bruno
Valsecchi

Piercer e body mod art dal 1994
Educatore e consulente di body art
Membro dell'Italian Suspension Team
Pratica sospensioni corporali

Cristiana
Amadei

Educatrice nelle strutture comunali 6-18, lavora prevalentemente con gruppi di adolescenti e pre-adolescenti, su tematiche legate anche alle trasformazioni/modificazioni del corpo VS autolesionismo.
Fa parte dell'Italian Suspension Team ed è appassionata di sospensioni corporali e di tutte le body mods

Francesca Passerone

Originaria di Genova, vive e lavora a Firenze dal 2009
Psicologa e psicoterapeuta, lavora privatamente con adulti, adolescenti, coppie e gruppi
Da più di 20 anni si interessa di pratiche di modificazione corporea e di tutti i temi legati al corpo, all'identità e ai riti di passaggio, da un punto di vista sia psicologico che antropologico.

Giacinto
Buscaglia

Psichiatra ex responsabile del Servizio di Salute Mentale di Albenga (Sv)
Scrittore

Luca
Antonaglia

Piercer professionista e body mod art dal 2007
Laureato in sociologia con specializzazione in antropologia e in seguito in mediazione interculturale.
Appassionato di studi sociologici, filosofici e della storia delle religioni.

Contattaci

Per maggiori informazioni

Inviaci un messaggio

Inviando...
Qualcosa è andato storto. Riprova di nuovo.
Il tuo messaggio è stato inviato, grazie!